Andrea Energy

Andrea Energy

Oggi viviamo in un mondo in cui abbiamo a disposizione i più sofisticati mezzi di comunicazione mai esistiti. Siamo in grado di parlare gratuitamente con persone che vivono in altri continenti, grazie a dispositivi sempre più moderni e che sono a disposizione di tutti. Possiamo comunicare, in tempo reale, qualunque cosa facciamo, pensiamo, vediamo o diciamo grazie a Social Network sempre più evoluti e diffusi. Dovremmo poter definire la nostra era come l’era della Comunicazione. Eppure, se potessimo fare una sorta di indagine per sapere cosa manca di più alle persone oggi, di cosa credono ci sia più bisogno, sai quale sarebbe la risposta più frequente? La Comunicazione. “Com’è possibile?!” penserai stupito.

Imparare a comunicare con se stessi e con gli altri

Abbiamo paura di dire ciò che pensiamo, e magari lo scriviamo solo come commento ad un post di Facebook, dimenticandoci di dirlo nel momento in cui serve e che può essere decisivo per la nostra felicità. Crediamo che la comunicazione si consumi con ciò che diciamo dimenticandoci di ascoltare e soprattutto dimenticando che le persone non parlano solo con le parole, ma anche con il viso, i gesti, il tono di voce. Quando anche ci fermiamo a sentire le parole di chi ci sta davanti, lo facciamo col colpo in canna, ovvero già pronti a rispondere a ciò che, in realtà, non stiamo veramente ascoltando. Questo NON è comunicare. Purtroppo è quello a cui siamo abituati, quello che ci hanno insegnato.

Gli strumenti per comunicare efficacemente

Ci sono strumenti per imparare a comunicare meglio e il bello è che sono per tuttti: qualunque sia la tua età, il tuo livello culturale, il tuo lavoro, la tua situazione personale, conoscere e applicare questi strumenti può davvero fare la differenza nella tua vita.

Contattami per scoprire quali sono!

 

Quando si parla di un corso per imparare a parlare in pubblico, spesso si pensa a qualcosa che sia rivolto a persone che debbano spesso cimentarsi in questa pratica per lavoro, magari a manager, speaker, formatori, personaggi pubblici.. In realtà, a ognuno di noi capita di dover parlare in pubblico. Le prime volte ci capita a scuola: la maestra o la professoressa ti interrogano, tu hai studiato per giorni e sai di essere preparatissimo ma niente da fare! All’improvviso non ti ricordi più niente. Vuoto totale. Buio. Che cosa è successo? Tutto quello che hai studiato non ti è rimasto nella mente? Probabilmente tutto si può ricondurre alla mancanza di una capacità di gestire lo stato d’animo: la paura dell’esame, il pensiero che la domanda sarà difficilissima, l’immagine della professoressa che si trasforma in un drago mostruoso. Per fortuna, la scuola è già passata.

Imparare a parlare in pubblico, davvero

Per fortuna, aggiungo io, oggi esiste la possibilità di formarsi per davvero continuando la crescita fuori dal contesto scolastico. Infatti, se quest’ultimo è solo un ricordo, può capitare che il capo ti chieda di presentare un progetto importante davanti tutto l’ufficio; tu ti prepari giorno e notte per fare un bel lavoro e una bella figura quando si presenta anche l’amministratore delegato... e ti blocchi. Oppure può capitare di ritirare un premio per gli ottimi risultati raggiunti e all’improvviso parte il classico coro “discorso, discorso, discorso”.

I tre passaggi per parlare in pubblico

Ci sono tre (si, solo tre!) passaggi che ti portano a saper parlare in pubblico.

  1. Impara quali sono i passaggi fondamentali di un buon discorso.
  2. Preparati, non ti affidare alla fortuna.
  3. Gestisci il tuo stato d’animo e soprattutto quei momenti in cui pensi che andrà tutto male.

Aiutarti in questo è il mio lavoro.

Fammi sapere quando vuoi cominciare!

 

[No form id or name provided!]

%PM, %14 %695 %2015 %15:%Ott

Sport coach per team • Andrea Energy

Sul lavoro di squadra ci sono delle domande che sono dei refrain, infatti:

  • Quante volte hai sentito dire che il lavoro in team è il più importante?
  • Quante volte ti hanno detto che il team dev’essere unito?
  • Quante volte ti è stato detto che ognuno deve prendersi le sue responsabilità all’interno di un team davvero coeso?

Tuttavia... quante volte chi ti ha detto tutte queste cose ti ha dimostrato, nella pratica, di comportarsi in modo esattamente contrario? Purtroppo so che spesso funziona così. So anche che il più delle volte succede per mancanza di strumenti adeguati, per non abitudine alla comunicazione, o per la paura di dire o non dire certe cose.

Lo sport coach per i team

Quando lavoro con i Team, sia che si tratti di squadre di atleti che di gruppi di dirigenti o allenatori, so già in partenza che le maggiori soddisfazioni arriveranno dalla parte di lavoro dedicata alla comunicazione, in particolare al feedback, pratica troppo spesso dimenticata o lasciata a margine. Eppure è proprio attraverso il confronto che si cresce. Solo che siamo stati abituati a difenderci da quelle che consideriamo critiche, invece che ad accogliere i suggerimenti, o le semplici impressioni degli altri sul nostro operato, il più delle volte confondendo ciò che facciamo, o abbiamo fatto, con ciò che siamo.

Lavorare con i gruppi: lo sport coaching adatto per te e il tuo team

Lavorare come sport coach per i gruppi è entusiasmante. Si scoprono dinamiche e spesso si risolvono problematiche che sembravano insormontabili, semplicemente creando le condizioni ideali per affrontarle.

Vuoi sapere come?

 

[No form id or name provided!]

Come allenatore vuoi riuscire a motivare i tuoi atleti, vuoi trasferirgli i tuoi valori, il tuo amore per lo sport, lo spirito di sacrificio, la voglia di migliorarsi. Vuoi vedere tutto quel talento e quelle doti atletiche elevate dai risultati, e non mortificate dalle difficoltà legate a dinamiche mentali poco funzionali. Ti svelo come fare.

Lo sport coach per allenatori

Ognuno di noi conosce un modo di comunicare, di solito il migliore che ci sia per comunicare con sé stessi. Quando invece dobbiamo comunicare con gli altri, soprattutto se si tratta di persone per età e caratteristiche da noi differenti, questa modalità non è più sufficiente. Per questo lo sport coaching dedicato specificatamente agli allenatori, come te. Bisogna imparare i meccanismi, automatici in ognuno di noi, che crediamo funzionali ma che in realtà generano nell’altra persona comportamenti opposti a quelli che ci aspettiamo. Dì la verità, ti è mai capitato di trovarti in situazioni simili, di chiederti “ma come cavolo è possibile, ho detto destra ed è andato a sinistra!

Il piacere di lavorare con te come sport coach

Per chi fa lo Sport Coach come me, uno dei più grandi piaceri è quello di avere l’opportunità di collaborare con coloro i quali hanno in mano la crescita degli atleti.

Parliamone insieme, per trovare la soluzione più funzionale!

 

[No form id or name provided!]

%PM, %14 %693 %2015 %15:%Ott

Sport coach per atleti • Andrea Energy

Che tu sia un atleta professionista o un amatore, di sicuro conosci già quanto è importante avere la propria mente come alleato prima, durante e dopo la performance sportiva. Purtroppo, pur riconoscendolo, il cervello risulta essere più facilmente un ostacolo, piuttosto che un aiuto. Ti vengono in mente delle occasioni in cui eri prontissimo a livello fisico ma un pensiero sbagliato si è insinuato dentro di te e rapidamente ti ha fatto perdere tutta la fiducia; togliendo addirittura efficacia alla tua preparazione fisica e tecnica? Magari ti sembrava di non essere più così capace, e all’improvviso!

L’importanza di uno sport coach al tuo fianco

Sai bene che non è realmente così: eppure in quel momento, per quegli attimi decisivi, lo hai creduto reale. Il tuo stato d’animo è in grado di fare davvero la differenza: anche se si tratta di rendere nullo il lavoro di mesi. La buona notizia, è che la mente si può allenare, proprio come un qualsiasi muscolo. Purtroppo molti atleti non sanno semplicemente come fare, o magari credono che basti il cosiddetto pensiero positivo per poi andare in campo e rendere al meglio.

Allena la tua mente con lo sport coach

Sicuramente pensare di potercela fare è già un passo in avanti, ma c’è di più, e soprattutto c’è la necessità di capire che ogni percorso, così come qualunque programma di allenamento, va personalizzato in base alle esigenze, agli obiettivi e al punto di partenza di ciascun atleta.

Contattami per descrivermi la tua situazione attuale e per trovare insieme la soluzione più funzionale!

 

[No form id or name provided!]

%PM, %14 %692 %2015 %15:%Ott

Sport coach per ragazzi • Andrea Energy

Io sono diventato papà da meno di due anni, ma credo di poter già dire che, come qualunque genitore, vorrei il meglio per mia figlia: vorrei che avesse tutte le possibilità di imparare, magari anche cose che io ho avuto modo di conoscere in età più adulta.

Perché uno sport coach per i tuoi ragazzi

Oggi tanti ragazzi e ragazze sono spesso disorientati: la scuola e la società in genere non sembrano aiutarli come forse potrebbero fare; a volte gli allenatori, seppur animati da nobili intenzioni, finiscono per demotivare piuttosto che per aiutare i ragazzi; e poi ci sono loro, i nostri figli, che ogni giorno hanno un’idea nuova, che sognano le Olimpiadi ma anche di diventare una rockstar. Non ho dubbi: il genitore è il lavoro più complicato al mondo! La cosa importante è imparare a non renderlo più complicato di quanto già non sia, magari imparando a comunicare in modo efficace, imparando a capire quali sono i momenti buoni e i momenti sbagliati per interagire con loro, oltre a consapevolizzare quali sono le aree in cui è meglio non entrare, magari proprio affidandosi ad una terza persona. Credo davvero che i figli ci aiutino a diventare grandi, a maturare, magari in un momento della nostra vita in cui pensavamo di essere già maturati abbastanza.

Il coaching per indirizzare ragazzi e ragazze nello sport

Io lavoro spesso con ragazzi e ragazze che si impegnano per raggiungere i loro sogni, in particolare nel mondo dello sport coaching: in quelle volte in cui ho la possibilità di affiancare anche i genitori in questo percorso, i risultati crescono in modo esponenziale!

Iniziamo questo esaltante nuovo percorso tutti insieme!

 

[No form id or name provided!]

Anche se mi conoscono con il mio soprannome di “Energy” derivante dalla mia immagine di Sport Coach figlia dell’infinita passione per l’attività fisica, le mie prime esperienze da Mental Coach sono state nel campo dei sentimenti, definito a volte love coaching. Ho iniziato aiutando un'amica a sganciarsi dal passato, e grazie al suo ottimo passaparola mi sono trovato in poco tempo diverse clienti con tematiche legate all'amore, all'uomo (o alla donna) ideale e in generale a tutto ciò che concerne le relazioni.

Da Love a Sport Coach il passo è breve

Poi sono arrivate opportunità ed esperienze nel mondo dello sport professionistico e semi professionistico che mi hanno portato a specializzarmi nello sport coaching, assecondando anche la mia naturale inclinazione. Ora non posso dire di avere preferenze: lavoro con le persone, semplicemente.

Il credo del tuo Sport e Mental Coach

Credo che il mondo abbia bisogno di bravi Coach, come credo che tra la gente ci sia bisogno prima di tutto di autostima e di voglia di cambiare le cose se quello che ci circonda non ci piace. Credo anche che tanti sportivi non raggiungano buona parte di ciò che potrebbero raggiungere proprio per la mancanza di una base mentale, di una preparazione che gli dia l'abilità di gestire le situazioni di stress e aspettativa, che nello sport sono all'ordine del giorno. Credo anche che nel mondo del lavoro moltissime persone si lascino condizionare da limiti che il più delle volte non sono reali: non posso di certo dire di essere ciò che in gergo viene chiamato Business Coach, ma credo di saper distinguere una persona che sta dando il massimo da una che si sta auto limitando o lasciando limitare da convinzioni che sono e devono restare esterne. Infine, credo che un Coach debba saper ascoltare, non solo con le orecchie; credo che debba essere disponibile e soprattutto di mente aperta; credo che debba avere l'umiltà di togliersi la divisa da Superman, e magari farsi da parte quando serve; credo che debba esprimere nella sua vita, in ciò che fa, i valori che vuole trasmettere; credo che debba saper usare sapientemente, e a volte magari anche inconsciamente, l'unico organo davvero importante per questo lavoro: il Cuore. 

E tu, in cosa credi?

Pagina 9 di 9

Rimani sempre aggiornato!